Q&A: Miguel Molina
WEC

Q&A: Miguel Molina

Maranello | 14 aprile 2020

Inizia con la Q&A a Miguel Molina il dialogo tra i tifosi del Cavallino Rampante ed i piloti impegnati nella classe LMGTE Pro del FIA WEC. Il pilota di Barcellona ha risposto ad alcune tra le domande più interessanti o curiose raccolte attraverso i profili social @FerrariRaces.

D: Qual è il tuo circuito preferito?

R: “Il Circuit de Barcelona-Catalunya, perché la mia carriera ebbe inizio li. Ho passato sei anni nel programma per i giovani piloti del tracciato”.

D: Qual è la tua Ferrari stradale preferita?

R: “Una di quelle che mi piacciono di più è la F12tdf perché è una vettura molto bella, compatta e molto aggressiva nel design”.

D: Qual è stata la vittoria più bella nei campionati GT che hai ottenuto?

R: “Abbiamo disputato una gara molto bella a Silverstone nel Blancpain GT Series Endurance Cup con Davide Rigon e Mikhail Aleshin. Fu davvero intensa e riuscimmo a vincere la nostra prima corsa”.

D: Cosa fai nelle ore che precedono una gara?

R: “Cerco di rilassarmi e discuto con gli ingegneri e i miei compagni di squadra e magari mi riposo un po’. Venti minuti prima di entrare nella macchina faccio degli esercizi di riscaldamento e riattivazione muscolare, al fine di affrontare la gara nelle migliori condizioni possibili. Non seguo un rituale particolare come fanno altri piloti”.

D: Cosa bisogna fare per diventare piloti professionisti?

R: “Diventare un pilota professionista non è semplice, è un percorso lungo e difficile che inizia da quando si è ragazzini. Bisogna avere perseveranza e anche un po’ di fortuna. È necessario compiere moltissimi sacrifici e lavorare duramente per raggiungere questo obiettivo”.

In un momento particolare della nostra storia, Miguel ha voluto infine lasciare un messaggio per tutti i tifosi. “Vi mando un grande abbraccio e vi invito a rimanere a casa, lontani da ogni possibile rischio. Ci vediamo presto!”.


Drivers