La Ferrari di Via Italia Racing conquista la pole position
24 Ore di Daytona

La Ferrari di Via Italia Racing conquista la pole position

Daytona | 24 gennaio 2019

Per il terzo anno consecutivo una Ferrari prenderà il via dalla pole position in classe GTD alla 24 Ore di Daytona. Si tratta della 488 GT3 del team Via Italia Racing affidata a Marcos Gomes che in gara sarà guidata anche da Andrea Bertolini, Francisco Longo e Victor Franzoni. Il tempo di Gomes, 1’45”257, rappresenta anche il nuovo record della pista di Daytona. Quarto posto in classe GTLM per la 488 GTE di Risi Competizione con Davide Rigon che in gara dividerà la vettura con Alessandro Pier Guidi, James Calado e Miguel Molina.

GTD. In classe GTD le qualifiche sono iniziate con tempi alti, ma già dal terzo passaggio le vetture hanno iniziato a migliorare le prestazioni. Cooper MacNeil, con la 488 GT3 di Scuderia Corsa, è stato il primo ad ottenere un tempo interessante in 1’48”470 anche se presto è stato superato da alcuni avversari tra cui Mathias Lauda, con la 488 GT3 di Spirit of Race, che ha ottenuto 1’46”131. Marcos Gomes dal canto suo si è issato in testa alla classifica con il tempo di 1’45”712. Gli ultimi minuti sono stati un continuo di emozioni, con ottimi tempi anche da parte di Mercedes, Acura e Lamborghini. Alla fine però Gomes ha piazzato l’affondo decisivo posizionando la 488 GT3 di Via Italia Racing in prima posizione con il nuovo record della pista in 1’45”257. In seconda piazza si è piazzata la Mercedes di Ben Keating, poi la Acura di Trent Hindman. Le altre 488 GT3 si sono piazzate così: sesto posto per la vettura numero 51 di Spirit of Race con Mathias Lauda (1’45”852) che sarà in gara con Paul Dalla Lana, Pedro Lamy e Daniel Serra; 16° per la 488 GT3 numero 63 di Scuderia Corsa qualificata da Cooper MacNeil (1’46”321) e guidata anche da Toni Vilander, Jeff Westphal e Dominik Farnbacher.

GTLM. In classe GTLM il team Risi Competizione ha deciso di affidare la propria Ferrari 488 GTE a Davide Rigon che fin dall’inizio della sessione è stato nel gruppo dei migliori, occupando a lungo la seconda posizione. Nel finale il pilota italiano ha migliorato il proprio tempo fino a 1’42”712 che è stato sufficiente per un posto in seconda fila con il quarto riscontro cronometrico. La pole position è andata alla Porsche di Nick Tandy in 1’42”257. In gara Rigon dividerà l’abitacolo della 488 GTE numero 62 con i campioni del mondo del WEC Alessandro Pier Guidi e James Calado e con lo spagnolo Miguel Molina, a sua volta pilota ufficiale della Casa di Maranello. La pole position assoluta è andata alla Mazda di Oliver Jarvis in 1’33”685. Il via della gara è previsto alle 14.35 locali di sabato (20.35 CET).