Primo squillo di Vilander/Molina al COTA
Blancpain GT World Challenge America

Primo squillo di Vilander/Molina al COTA

Austin, Texas | 4 marzo 2019

Toni Vilander e Miguel Molina si sono aggiudicati la vittoria nel round 2 del Blancpain GT World Challenge America disputata al COTA. L’equipaggio finnico-spagnolo, al volante della 488 GT3, si è imposto sul circuito texano dominando la gara disputata domenica.

Pro. Nonostante la partenza dal quarto posto, Toni Vilander ha avuto bisogno di appena due giri per portare al comando la rossa n°61 di R. Ferri Motorsport. Una volta in testa, il campione in carica ha incrementato il vantaggio giro dopo giro fino al momento della sosta obbligatoria. Dopo aver ceduto il volante a Miguel Molina, la Ferrari poteva contare su un gap di 14 secondi sul più vicino degli inseguitori. Tuttavia, l’ingresso della Safety Car a poco meno di 15 minuti dalla bandiera a scacchi azzerava il vantaggio costruito nell’ora e quindici precedente. Alla ripartenza, Andy Soucek – vincitore della Gara-1 di sabato – riusciva ad affiancare e quindi a superare Molina in curva 1. Lo spagnolo, tuttavia, con una manovra spettacolare alle Esses aveva la meglio del pilota della Bentley e tornava a controllare il gruppo, precedendo sul traguardo proprio Soucek di 1”249.

Pro-Am. Dopo essersi imposti nella Gara-1 di sabato, Jeff Segal e Wei Lu avevano posto le basi per una doppietta con la loro 488 GT3 n°31 portata in gara da TR3 Racing. Segal era scattato dalla pole position ma era scivolato in quinta posizione dopo un primo giro complicato da molte manovre aggressive da parte dei rivali. Segal riusciva però con pazienza a riportarsi in testa al momento della sosta ai box, quando al volante veniva rilevato da Wei Lu. Il protagonista di Gara-1, ritrovatosi in seconda posizione nella classe Pro-Am, dopo sei giri si portava in testa, allungando rapidamente sugli inseguitori. La Safety Car cambiava però i piani del pilota canadese che, alla ripartenza, veniva colpito da una vettura e spedito fuori pista. L’episodio faceva retrocedere la n°31 fino al nono posto finale.

Matt Plumb e Alfred Caiola, autori di una gara comunque positiva, sono risultati pertanto i migliori tra gli equipaggi Ferrari in questa classe, chiudendo al settimo posto al volante della vettura n°99 del team One11 Competition.

Am. Weekend di gara perfetto per gli ex piloti del Ferrari Challenge Martin Fuentes e Caesar Bacarella. I campioni in carica della classe Am si sono imposti al termine di una corsa affatto semplice. Alla partenza, infatti, Fuentes finiva fuori pista a causa dei molti contatti avvenuti alla prima curva, perdendo ben undici posizioni. Il pilota della 488 GT3 n°7 di Squadra Corsa Garage Italia non si perdeva tuttavia d’animo ed iniziava una inarrestabile rimonta completata nel corso del quindicesimo giro. A Bacarella, subentrato al compagno dopo la sosta obbligatoria, è stato sufficiente evitare problemi nelle fasi di ripartenza dopo l’uscita della Safety Car per aggiudicarsi il successo finale.

Rich e Trevor Baek, padre e figlio normalmente impegnati nel Ferrari Challenge, hanno migliorato il già positivo risultato di Gara-1, chiudendo l’appuntamento di domenica al quarto posto con la vettura n°8 del team Vital Speed Motorsports. Quinta posizione per la 488 GT3 n° 82 di Risi Competizione, guidata da Pierre Mulacek ed Anthony Lazzaro, mentre hanno completato la gara in sesta posizione Christopher Cagnazzi e Brian Kaminskey a bordo della Ferrari n°19 di One11 Competition.

Virginia. Il prossimo appuntamento del Blancpain GT World Challenge America si disputerà in Virgina, sul Virginia International Raceway (VIR) dal 26 al 28 aprile.