Due Ferrari sul podio nell’ELMS al Paul Ricard
Competizioni GT

Due Ferrari sul podio nell’ELMS al Paul Ricard

Le Castellet | 19 luglio 2020

La 488 GTE di Kessel Racing conquista il secondo posto, mentre Iron Lynx sale sull’ultimo gradino del podio nella classe GTE nel primo round del campionato European Le Mans Series che ha fatto il suo debutto nel fine settimana sul circuito del Paul Ricard a Le Castellet, in Francia.

Inizio incoraggiante. La gara di 4 ore inizia sotto i migliori auspici per il team Kessel Racing, che affida la partenza a Michael Broniszewski al volante della Ferrari 488 GTE numero 74. Il pilota polacco è bravo a sfruttare al meglio lo start dalla pole position, conquistata ieri da uno straordinario Nicola Cadei, per mantenere il comando della corsa.

Dopo ventisette minuti, però, una penalità costringe Broniszewski a un passaggio ai box in seguito al quale perderà il comando. La leadership della classe GTE passa quindi a Duncan Cameron, al volante della Ferrari numero 55 del team Spirit of Race. Dopo un’ora la sfortuna si abbatte anche sul pilota britannico, costretto al ritiro per un guasto. Nuovo avvicendamento in testa con Kessel che si riporta in prima posizione grazie a Nicola Cadei che nel frattempo ha sostituito Broniszewski. La Ferrari 488 GTE numero 74 mantiene la testa fino al cinquantasettesimo giro, quando Cadei deve arrendersi alla pressione di Alessio Picariello, al volante di Porsche 911 RSR del team Proton Competition.

Il duello è reso ancora più avvincente dall’ingresso sulla scena di Sergio Pianezzola, sulla Ferrari numero 60 di Iron Lynx. Pianezzola, dopo aver raccolto l’eredità di Claudio Schiavoni al trentatreesimo giro, rimonta con la propria Ferrari fino al primo posto. Il ritorno al volante di Schiavoni coincide però con una fase difficile per la rossa, che perde alcune posizioni in classifica e, nonostante il tentativo di recupero di Andrea Piccini, l’equipaggio chiuderà al sesto posto.

Bene le ragazze. Per l’equipaggio femminile del team Iron Lynx, la gara inizia nel migliore dei modi grazie a Michelle Gatting che fino al ventiseiesimo giro non scende sotto il quarto posto per poi agguantare la seconda posizione. Al trentunesimo giro la pilota danese cede il volante a Manuela Gostner, mentre al cinquantaduesimo sale la svizzera Rahel Frey che conquista il terzo posto e lo mantiene fino al traguardo.

Fuori dal podio. Quarto posto per la Ferrari numero 4 del team JMW Motorsport. Parte il britannico Hunter Abbott che al trentaduesimo giro cede il posto a Finlay Hutchinson. Quest’ultimo, però, non riesce a capitalizzare il vantaggio del collega e retrocede dal secondo al quarto posto. Al sessantatreesimo giro il volante torna ad Abbott che però non riesce a riportarsi a ridosso dei primi. All’ottantasettesimo passaggio passa il volante a Jody Fannin, il quale transita sotto la bandiera a scacchi al quarto posto.

Quinta piazza finale infine per AF Corse. Il team parte con un brillante Steffen Görig che nel corso dei primi trenta giri conduce una gara di vertice, occupando anche la prima posizione. Sceso al quinto posto, il pilota cede il volante al collega Alexander West al cinquantaseiesimo giro. Lo svedese si riporta al terzo posto ma dopo l’avvicendamento con Christoph Ulrich, all’ottantanovesimo giro, la compagine piacentina deve accontentarsi del definitivo quinto posto.

Prossimo round. Il secondo round del campionato European Le Mans Series è in programma a Spa-Francorchamps, in Belgio, il prossimo 9 agosto.