Ferrari in crescita nell’SRO E-Sports GT Series
SRO E-Sport GT Series

Ferrari in crescita nell’SRO E-Sports GT Series

Maranello | 31 maggio 2020

Tre 488 GT3 virtuali nei primi dieci al termine del penultimo round della serie organizzata da SRO, con David Fumanelli, ottavo al traguardo, il migliore tra i piloti Ferrari dopo la penalizzazione di David Perel.

A centro gruppo. Le vetture di Maranello sono state autrici di una gara in rimonta, con tempi allineati a quelli dei migliori, dopo qualifiche che le hanno viste ai margini della top ten e dopo aver superato senza troppi danni il caos alla partenza con una carambola, innescata da una Lamborghini, che ha coinvolto molte vetture nelle prime posizioni. Al termine dei sessanta minuti della gara dei Pro vinta da Louis Delétraz sulla Porsche di GPX Racing, tutte le sei 488 GT3 iscritte all’evento hanno chiuso nei primi quindici classificati.

Dammi cinque. David Perel è stato nuovamente il migliore interprete al volante della vettura di Rinaldi Racing, chiudendo al sesto posto finale che tuttavia vale come quinto dal momento che Federico Leo, terzo al traguardo, risulta trasparente ai fini della classifica. Il sudafricano, scattato dalla tredicesima posizione, si è reso protagonista di alcuni duelli anche intensi durante la sua rimonta, uno dei quali lo ha visto opposto a Simone De Luca e David Fumanelli, nono sotto la bandiera a scacchi. Il pilota di Kessel Racing è stato autore di una prestazione molto convincente che gli ha consentito di precedere sul traguardo Nicolas Hillebrand. Il tedesco, sulla 488 GT3 di Buttler-Pal Motorsport, è scattato dalla dodicesima fila e approfittando della partenza caotica e di un ritmo velocissimo, ha scalato la classifica fino a chiudere decimo, grazie anche ad una tenace resistenza agli attacchi di Buncombe su Bentley. Tredicesima piazza finale per Chris Froggatt (Sky Tempesta Racing) che è riuscito a rimontare nove posizioni rispetto a quella ottenuta in qualifica, mentre Yefanov non è riuscito a riproporsi sui livelli di Spa-Francorchamps, chiudendo comunque quindicesimo la sua fatica al volante della Ferrari di Fasttuning. A fine gara, tuttavia, la doccia fredda per Perel, al quale i commissari hanno comminato un drive through, trasformato in 30” da sommare al tempo complessivo, che lo fanno retrocedere in undicesima posizione, permettendo a Fumanelli e Hillebrand di conquistare l’ottava e la nona piazza.

Spettacolo Nielsen. Il quattordicesimo posto finale rischia di far passare in secondo piano la prestazione di uno dei grandi protagonisti di giornata, Nicklas Nielsen. Il pilota ufficiale di Competizioni GT, dopo aver faticato in qualifica, è partito dalla ventinovesima piazzola in griglia. Giro dopo giro il danese è riuscito a ridurre il gap con le vetture che lottavano per la decima posizione, fino a conquistare il suo miglior risultato nella serie, quattordicesimo. “Questa gara segna un grande miglioramento rispetto alle due gare precedenti, soprattutto nel ritmo gara”, ha commentato Nielsen, “mentre devo cambiare passo in qualifica, ma il mio obiettivo a Barcellona era migliorare nei tempi sul giro durante la corsa. Ripartiamo da qui e cerchiamo di fare ancora meglio per il prossimo appuntamento”.

Silver. La gara dei piloti della classe Silver ha seguito come di consueto quella dei Pro ed ha visto i due piloti dell’FDA Hublot Team, il leader della classifica David Tonizza ed Enzo Bonito, tagliare il traguardo rispettivamente in undicesima e quattordicesima posizione.

Atto finale. La parola ora passa agli appassionati che decideranno, attraverso un’apposita votazione che si svolgerà sul sito del campionato, la sede dell’ultima gara della stagione che si svolgerà il 21 giugno, tanto per i Pro quanto per i Silver.


Drivers