Quarto posto per Ferrari a Road America
IMSA

Quarto posto per Ferrari a Road America

Elkhart Lake, WI | 3 agosto 2020

Scuderia Corsa è riuscita a domare le avverse e mutevoli condizioni meteo che hanno caratterizzato l’ora finale della gara IMSA disputata a Road America, valida come quarto round della stagione 2020, chiudendo la corsa al quarto posto.

Cooper MacNeil e Toni Vilander, entrambi alla guida della 488 GT3 Evo 2020 di Scuderia Corsa, hanno sfiorato il podio nella classe GT Daytona, che avrebbe dato continuità al secondo posto conquistato a Sebring due settimane fa. MacNeil, scattato dalla sesta piazza in griglia, ha mantenuto la sua posizione nel suo stint iniziale di 50 minuti su quello che rappresenta un po’ il suo circuito di casa, in un avvio caratterizzato da condizioni quasi ideali. Vilander è subentrato al compagno dopo il primo giro di pit stop, rientrando in gara in ottava posizione.

“Sono stato fortunato a poter girare sull’asciutto”, ha commentato MacNeil. “La partenza è stata ordinata e l’unico momento di tensione è stato quando ho affrontato il Kink, una delle parti più pericolose del tracciato, affiancato ad un rivale, ma non ho avuto problemi. Quando è salito in macchina Toni, invece, si è scatenato il finimondo”.

Il finlandese è riuscito a risalire fino al quinto posto prima che le condizioni meteo peggiorassero in maniera drastica, con una pioggia intensa a flagellare il circuito con ancora 52 minuti a separare i piloti dalla bandiera a scacchi. Il diluvio si è scatenato nel bel mezzo della fase di pit stop, con Vilander entrato a cambiare gli pneumatici alcuni istanti dopo che i commissari avevano iniziato a sventolare le bandiere gialle lungo la pista.

Rientrato in quinta posizione, la gara veniva interrotta dalla direzione gara che attendeva che le condizioni migliorassero per far riprendere le ostilità, cosa che avveniva a otto minuti dallo scadere delle due ore e quaranta di corsa. Con condizioni che cambiavano sensibilmente nei vari punti della pista, Vilander è riuscito ad occupare brevemente anche la terza posizione. Dopo aver perso il podio all’ultimo giro, quando il pilota ufficiale di Ferrari Competizioni GT cercava di risalire sul podio, una Full Course Yellow congelava definitivamente le sue speranze.

“È stata una gara avvincente”, ha dichiarato Vilander. “Non eravamo i più veloci in condizioni di asciutto ma abbiamo comunque cercato di sfruttare il potenziale della vettura. C’è un costruttore che fa un campionato a sé nella classe GTD, ma la pioggia ha reso il tutto più interessante e il nostro pit stop finale è stato perfetto. Sfortunatamente c’era troppa acqua in pista e non potevo rischiare di compromettere tutto correndo rischi inutili con la bassa visibilità che c’era. Sono dunque felice del quarto posto finale”.

“Penso che chiudere al quarto posto la gara rappresenti un buon risultato per noi, considerando il modo in cui era iniziato il nostro fine settimana. Non avevamo il passo per vincere”, ha aggiunto MacNeil. “ma la chiamata del muretto per l’ultimo pit stop è stata perfetta. I ragazzi hanno letto il radar alla perfezione e abbiamo messo le gomme da bagnato proprio quando è iniziata la pioggia. Il quarto posto è il massimo a cui avessimo potuto ambire questo weekend, pertanto ringrazio la squadra e pensiamo già alla prossima gara”.

La 488 GT3 Evo 2020 di Scuderia Corsa tornerà in pista il 23 agosto per il GT Challenge al Virginia International Raceway.


Drivers