MacNeil, Ghandour, Baker e Davis in trionfo al COTA
Ferrari Challenge North America

MacNeil, Ghandour, Baker e Davis in trionfo al COTA

Austin, Texas | 11 marzo 2019

La seconda gara della prova inaugurale del Ferrari Challenge North America, si è disputata sotto un cielo nuvoloso, ben diverso da quello soleggiato che ha contraddistinto le gare del sabato. La temperatura più bassa ha consentito ai piloti di confrontarsi in condizioni diverse rispetto a quelle di Gara-1 ma ciò non ha avuto impatti negativi sullo spettacolo offerto in pista dalle oltre 50 Ferrari che si sono date battaglia al COTA.

Trofeo Pirelli. Cooper MacNeil si è riscattato dall’errore commesso nell’ultimo giro della prova di sabato, dominando Gara-2. Il pilota di Ferrari of Westlake è partito in maniera ottimale ed ha impresso alla corsa un ritmo insostenibile per i rivali, come testimonia il vantaggio di 17 secondi con cui ha tagliato vittoriosamente il traguardo. Benjamin Hites (The Collection) è stato autore di una gara emozionante, per motivi diversi rispetto a quelli di MacNeil. Dopo essere scivolato indietro in classifica alla partenza, il pilota cileno ha iniziato una rimonta che ha avuto nel duello con Martin Burrowes (Ferrari of Ft. Lauderdale) il suo momento più alto. Dopo essersi confrontati per diversi giri con numerosi sorpassi e controsorpassi, Hites ha tagliato il traguardo in seconda posizione, senza avere modo di insidiare MacNeil. Terzo, come detto, Martin Burrowes, con sette secondi di vantaggio su Thomas Tippl (Ferrari of Beverly Hills), campione 2018 della Coppa Shell.

Trofeo Pirelli AM. Ziad Ghandour (Boardwalk Ferrari), dopo il terzo posto di Gara-1, è tornato sul podio anche se lo ha fatto sul gradino più alto, precedendo Todd Morici (Wide World Ferrari) e Dave Musial (Ferrari Lake Forest).  La gara di Ghandour è stata analoga a quella di Cooper MacNeil, visti i 19 secondi di vantaggio sul primo degli inseguitori con cui è transitato sotto la bandiera a scacchi. Alle sue spalle i distacchi sono risultati più contenuti, come racconta il secondo che ha separato Morici da Musial. Il vincitore di Gara-1, Mark Fuller (Ferrari of Silicon Valley) non ha preso il via alla gara.

Coppa Shell. Danny Baker (Ferrari of Palm Beach) è stato protagonista del weekend perfetto, tornando a casa dal COTA con il bottino pieno. Al via di Gara-2, Baker è stato in grado di controllare gli avversari e di costruire un vantaggio che poi ha gestito per tutti i 30 minuti previsti. Mark Issa (Ferrari of Atlanta) aveva ravvivato la fase centrale della corsa quando si era portato in scia a Baker ma quest’ultimo, dopo aver amministrato sapientemente gli pneumatici, riusciva a costruire un margine di sicurezza di quattro secondi. I due sono stati accompagnati sul podio da Claude Senhoreti (Ferrari of Ft Lauderdale), terzo anche se staccato di quasi trenta secondi.

Coppa Shell AM. Brian Davis (Ferrari of Palm Beach) si è imposto anche in Gara-2 della Coppa Shell Am, grazie ad una prova convincente che lo ha portato a chiudere la corsa con oltre venti secondi di vantaggio sul secondo, Eric Marston (Ferrari of Westlake).  Il debuttante si è distinto per una prova tutta all’attacco, chiusa al sesto posto assoluto, davanti a piloti con più esperienza come Kevan Millstein (Ferrari of San Diego, nella Coppa Shell).  Primo podio assoluto anche per Gianni Grilli (Ferrari of Quebec) conquistato grazie al terzo posto finale.

Appuntamenti. Il Ferrari Challenge North America tornerà in pista il 5 aprile prossimo, sul leggendario tracciato del Sebring International Raceway.

 

 


Latest news