Prette e Tabacchi, firme prestigiose a Sakhir
Ferrari Challenge Europe

Prette e Tabacchi, firme prestigiose a Sakhir

Sakhir | 17 febbraio 2019

Louis Prette (Formula Racing) e Emanuele Maria Tabacchi (Rossocorsa) sono i grandi protagonisti della Gara-2 del Trofeo Pirelli, tanto nell’assoluta quanto nella categoria AM. La corsa, disputata sotto la luce artificiale, è stata molto combattuta e ricca di sorpassi, favoriti anche dai “grid handicap” applicati in funzione dei risultati ottenuti in Gara-1 che hanno ribaltato la griglia di partenza emersa dopo le qualifiche. Questa misura, atta a mantenere vivo lo spettacolo, fa retrocedere rispettivamente di 6, 4 e 2 posizioni i piloti classificati al primo, secondo e terzo posto.

Rimonte furiose. La nuova griglia di partenza permetteva a Thomas Neubauer (Charles Pozzi – Courage) di affrontare la prima curva affiancato da Alessandro Bonacini (Kessel Racing), mentre erano costretti a partire dall’ultima fila i due vincitori di Gara-1, Niccolò Schirò (Rossocorsa) e Emanuele Maria Tabacchi (Rossocorsa). Il via so svolgeva in maniera regolare e Neubauer riusciva a mantenere la posizione davanti a Bonacini, anche se tra i due iniziava una lotta serrata che aveva in Prette e Smeeth due osservatori molto interessati. Con un primo giro formidabile, Schirò si proponeva già al secondo passaggio in sesta posizione che diventava quinta al terzo e quarta un giro dopo. Analoga rimonta per Emanuele Maria Tabacchi che segue da molto vicino la progressione di Schirò. Nelle prime posizioni, anche Louis Prette offriva uno spettacolo all’altezza dei due, prima segnando il giro più veloce nel corso del secondo passaggio, poi attaccando con successo Bonacini, issandosi in seconda posizione.

Nella categoria AM, dopo la delusione di Gara-1, Manuela Gostner puntava a cogliere un risultato importante e, per farlo, si produceva in una gara molto grintosa e tenace, in difesa dagli attacchi portati da Martin Nelson (Scuderia Autoropa). Questa condotta di gara non era sufficiente però a respingere la risalita forsennata di Tabacchi che, nel corso del sesto giro, si portava al comando della categoria.

Gli attacchi decisivi. In testa alla corsa, Neubauer manteneva un leggero vantaggio su Prette il quale, dopo il sorpasso a Bonacini, non riusciva ad allungare sul rivale. Alle loro spalle, Schirò e Sam Smeeth – al quale veniva comminata una sanzione per un contatto con Manuela Gostner che si traduceva in cinque secondi aggiuntivi rispetto al tempo di gara – continuavano a darsi battaglia. Analoga situazione vedeva protagonisti Martin Nelson e Jack Brown (Ferrari GB – Graypaul Nottingham) a confronto per la seconda posizione tra gli AM. L’inglese riusciva ad avere la meglio sullo svedese proprio nel momento in cui Prette si portava al comando, grazie ad un sorpasso da antologia ai danni di Neubauer nel corso dell’undicesimo giro. A questo punto della corsa Neubauer faceva fatica a difendersi dagli attacchi anche di Schirò che, dopo aver guadagnato la terza posizione a tre giri dalla bandiera a scacchi su Bonacini, rompeva gli indugi ed attaccava anche Neubauer. Bonacini, che avrebbe potuto giocarsi a sua volta le chance di podio, era costretto a rallentare vistosamente a causa di un problema alla sospensione, conseguente ad un passaggio troppo violento sul cordolo. Anche Smeeth riusciva a precederlo sotto la bandiera a scacchi ma il suo vantaggio risultava inferiore rispetto alla penalità subita in precedenza.

Sotto la bandiera a scacchi, Louis Prette transitava in prima posizione, con 4”6 di vantaggio su Niccolò Schirò e 8”3 su Thomas Neubauer, mentre nella categoria Pirelli AM, oltre allo scatenato Emanuele Maria Tabacchi, salivano sul podio anche Jack Brown e Martin Nelson.


Latest news